Print Friendly

Informazioni tecniche sulla ME-MMT e sul materiale didattico:
formazione@memmt.info

Per informazioni generiche:
info@memmt.info

Per partecipare ai gruppi regionali di diffusione della ME-MMT:
qui l’elenco degli indirizzi regionali a cui scrivere

Per la pianificazione degli eventi relativi alla presentazione del Programma ME-MMT:
eventi@memmt.info

Consiglio direttivo:

Presidente:Riccardo Tomassetti

rtomassetti@memmt.info

Tesoriere:Filippo Abbate

FAbbate@memmt.info

Consiglieri:

  • Daniele Della Bona

e-mail: ddellabona@memmt.info

 

Thomas Vaglietti

 e-mail: tvaglietti@memmt.info

 

  • Antonio Ferraiuolo

e-mail: AFerraiuolo@memmt.info

  • Pier Paolo Flammini

e-mail: ppflammini@memmt.info

  • Davide Provenzale

e-mail: davide.provenzale@memmt.info

Referenti economici:

Daniele Della Bona: ddellabona@memmt.info

Riccardo Tomassetti: rtomassetti@memmt.info

Pier Paolo Flammini: ppflammini@memmt.info

Filippo Abbate: fabbate@memmt.info

Antonio Ferraiuolo: aferraiuolo@memmt.info

Mario Volpi: mvolpi@memmt.info

Comments

  1. Confermo presenza sabato 18 maggio a Venezia con W. Mosler.
    Siamo in due persone.
    Vorrei sapere se posso invitare anche chi interessato ma non attivista.
    Grazie

  2. Non sono un attivista, l’MMT per me è una novità e ne ho letto qualcosa solo ultimamente. Ho visto su youtube alcuni filmati del Summit di Rimini e sarei interessato a partecipare all’evento di Venezia sabato 19. Posso venire? Se si siamo in due.

  3. URGENTE-IMPORTANTE.
    Ho trovato questa risposta in rete in riferimento alla denuncia/esposto di Barnard-Musu da parte di un esperto, possiamo analizzarla e verificare?!
    Grazie, Cristian.

    “Circola una recente denuncia penale che sta facendo sognare molte brave persone, ma che rischia di infliggere una grossa delusione. Per una ragione tecnica. Però non disperate, perché resta una possibilità di azione – correggendo il tiro.
    Nel 2005, nella prima edizione del mio saggio €uroschiavi, formulai una denuncia penale per crimini di assoggettamento dell’Italia al potere straniero ed eversione della Costituzione mediante la cessione a privati e a potenze esterne (BCE) della sovranità monetaria. Indicavo come autori dei fatti i vertici politici e le autorità monetarie. Ipotizzavo i reati di cui agli art. 241, 283 e 416 bis (associazione mafiosa). Tra l’altro, scrivevo:

    «Attentato all’indipendenza dello Stato (art. 241 CP): [I]. Chiunque commette un fatto diretto a sottoporre il territorio dello Stato o una parte di esso alla sovranità di uno Stato straniero, ovvero a menomare l’indipendenza dello Stato, è punito con l’ergastolo.
    Questo reato potrebbe essere stato commesso da quei governanti che illegittimamente hanno donato la sovranità monetaria prima alla Banca d’Italia e poi alla BCE, e sottoponendo così la Repubblica al potere indipendente e sovrano di organismi privati e, il secondo, addirittura esterno alla Repubblica stessa. La denominazione di “istituto di diritto pubblico” applicata recentemente alla Banca d’Italia è ingannevole e non cambia le cose: per quanto le norme statutarie siano formulate dallo Stato, la gestione e la proprietà sono totalmente autoreferenziali e private.
    Attentato contro la costituzione dello Stato (art. 283 CP): [I]. Chiunque commette un fatto diretto a mutare la Costituzione dello Stato, o la forma del Governo, con mezzi non consentiti dall’ordinamento costituzionale dello Stato, è punito con la reclusione non inferiore a dodici anni.
    Questo reato potrebbe essere stato commesso da quei governanti che illegittimamente hanno concorso a istituire il sistema di dominio della finanza privata sullo Stato. »
    Qualcuno raccolse il mio suggerimento e presentò una denuncia su questo schema. Ma nel 2006 le istituzioni reagirono prontamente, e si misero al sicuro, con una legge che ha sanato il loro operato passato e futuro. Così l’opera di eversione costituzionale e di sottoposizione dell’Italia a poteri esterni è potuta progredire.
    Come hanno fatto, tecnicamente? Hanno modificato il Codice Penale introducendo, nelle fattispecie di reato applicabili, il requisito dell’elemento della violenza. Se non si usa violenza, non si realizza il reato di attentato contro l’integrità, l’indipendenza o l’unità dello Stato, o alla Costituzione, etc. E quanto, da parte delle istituzioni, si sovverte la Costituzione o si assoggetta lo Stato a poteri esterni, lo si fa con leggi e trattati, non con la violenza. Così coperti, nello stesso anno, 2006, hanno riformato lo Statuto della Banca d’Italia, per legittimarne la completa privatizzazione.
    Ecco, ad esempio, il testo dell’art. 241 nella formulazione modificata (sopra ho riprodotto quella originaleprecedente):
    «C.p. art. 241. Attentati contro l’integrità, l’indipendenza e l’unità dello Stato.
    Salvo che il fatto costituisca più grave reato, chiunque compie atti violenti diretti e idonei a sottoporre il territorio dello Stato [c.p. 4] o una parte di esso alla sovranità di uno Stato straniero, ovvero a menomare l’indipendenza o l’unità dello Stato, è punito con la reclusione non inferiore a dodici anni.
    La pena è aggravata se il fatto è commesso con violazione dei doveri inerenti l’esercizio di funzioni pubbliche.»
    Recentemente, l’avv. Paola Musu e il giornalista Paolo Barnard, promotore in Italia della Modern Money Theory, hanno reso noto di aver sporto denuncia penale contro i vertici dello Stato per reati contro l’ordine costituzionale e l’indipendenza dello Stato, commessi attraverso la cessione della sovranità monetaria e politica al sistema bancario privato, o perlomeno a guida privata, intorno a cui ruota l’Euro.
    I denuncianti individuano i colpevoli “in particolare nelle persone del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, del Presidente del Consiglio dei Ministri Mario Monti, dei ministri in carica, dei membri del Parlamento che hanno votato le succitate misure di svuotamento democratico dello Stato italiano e della nostra Carta Costituzionale, ciascuno nelle persone attualmente e medio tempore in carica in relazione all’arco temporale interessato, nonché tutte le altre persone eventualmente coinvolte.”
    I reati che essi ravvisano sono i seguenti:
    241 c.p. attentato contro l’integrità, l’indipendenza o l’unità dello Stato;
    270 c.p. associazioni sovversive;
    283 c.p. attentato contro la Costituzione dello Stato;
    287 c.p. usurpazione di potere politico;
    289 c.p. attentato contro gli organi costituzionali;
    294 c.p. attentato contro i diritti politici del cittadino;
    304 c.p. cospirazione politica mediante accordo;
    305 c.p. cospirazione politica mediante associazione.
    Musu e Barnard pare non si siano accorti del suddetto “dettaglio”. La loro denuncia espone fatti che erano reati prima di quella legge del 2006, ma ora non lo sono più (tranne i reati riferibili agli artt. 287 e 294, che però non credo siano realizzati).
    Quindi la loro denuncia difficilmente avrà il seguito sperato. Però aspettate prima di gettare la spugna.
    L’istituzione di un apparato di potere come il Sistema Europeo delle Banche Centrali o, peggio, come il Meccanismo Europeo di Stabilità, costituisce, sostanzialmente, una eversione radicale delle costituzioni democratiche di molti paesi coinvolti e la loro sottomissione a un potere esterno, autocratico, non democratico. Per il Codice Penale italiano, però, tale attività non integra più i reati suddetti né quello di Alto tradimento (art. 90, 2° comma, della Costituzione, a carico del capo dello Stato). Non integra i detti reati, perché, dal 2006, tutte quelle fattispecie di reato richiedono anche l’elemento della violenza, che è stato introdotto dalla Legge 24/02/2006 n. 85, denominata “Modifiche del Codice Penale in materia di reati di opinione.” In realtà il legislatore non mirava ad aumentare la libertà di opinione, ma a legittimare l’attentato alla libertà e all’indipendenza dello Stato, la sovversione del suo ordinamento, l’eversione dell’ordine democratico, che erano in via di esecuzione.
    Riformulando quegli articoli, si sapeva dove si voleva arrivare: a proibire la rivoluzione ma a legittimare il colpo di Stato, il colpo di palazzo – cioè legittimare la violazione della costituzione da parte del potere costituito. Quindi chi compie una violenza estrema ma usando armi legislative, agisce nel lecito; chi per contro, reagendo contro quella violenza estrema, che subisce sulla propria vita, dignità, libertà, compie una violenza minima, come incendiare cassonetti, ma illecita, quello sì, quello commette reato. Però ha ancora il diritto di suicidarsi. Questo diritto non glielo hanno ancora tolto, né tassato.
    Che fare, a questo punto?
    Le cose cambierebbero se pm e giudici iniziassero a considerare come violenza, ai fini della ravvisabilità dei predetti reati, anche quella compiuta mediante manipolazioni dei mercati e altri mezzi finanziari, le manovre per far impennare lo spread o crollare i titoli di Stato, e simili. Perciò tecnicamente consiglio a chi si diletta nel presentare simili denunce, di spiegare, nelle loro denunce e memorie aggiuntive, che sussiste l’elemento della violenza, e in che cosa consiste.
    Ma c’è qualcosa di ancora più interessante, specialmente in questo periodo di crescente tassazione, di suicidi fiscali, e di riluttanza del potere politico a tagliare la spesa pubblica parassitaria – 60 miliardi solo per tangenti, scrive la Corte dei Conti. Tra sprechi e creste, almeno 70 miliardi se ne vanno ogni anno nelle voci gonfiate di spese per acquisti di beni e servizi. E almeno altrettanti per appalti pure gonfiati. Dovevano fare la spending review, dovevano applicare i costi standard per porre fine alla moltiplicazione per 5 dei costi da Milano a Palermo, e ora finiscono per concedere, forse, 2,2 miliardi di risparmi, poi forse altri 2. Cioè la politica dice: io faccio buchi nei bilanci perché spreco e rubo, e siccome sprecare e rubare è mio interesse, non smetto di farlo, e i buchi che apro li dovete colmare voi cittadini con le tasse, e se non vi va bene potete suicidarvi.
    Però à chiaro che buona parte, gran parte, di quei 140 miliardi di sprechi e ruberie va ad organizzazioni mafiose che manovrano gli appalti e i subappalti assieme alla politica.
    E allora si può studiare di denunciare per concorso esterno in associazione mafiosa coloro che, come ministri, pubblici amministratori e funzionari di controllo, pur vedendo come molte spese pubbliche sono gonfiate per procurare profitti alla criminalità organizzata, omettono e hanno omesso di impedire tali illeciti, e continuano a mandare avanti quella spesa a spreco e mangerie, e magari ne traggono benefici in termini di voti nelle elezioni.”

    1. Interessante, volevo giusto andare a sporgere denuncia, ma a questo punto dovrò prima applicare le dovute modifiche. Grazie!

    2. Io la mia denuncia gia` l’ho fatta.. come posso integrarla con questo aggravante della VIOLENZA INDIRETTA? Cmq alla fine quello che conta e` il gesto simbolico, no?

      1. Avete visto che la denuncia fatta da singoli ha fallito miseramente? Io lo dicevo ma la gente mi insultava. Invece, se la denuncia fosse fatta da una organizzazione ufficialmente riconosciuta, tipo una federazione o un sindacato, avrebbe un effetto dirompente. Immaginate se la facesse la CGIL… Ovviamente, la CGIL non la fara’ mai, quindi ho pensato di creare un sindacato per i diritti costituzionali dei cittadini e vorrei che Barnard ne fosse il fondatore e promotore. Ho avviato una raccolta firme per convincerlo, aiutatemi!

        http://firmiamo.it/chiedi-a-paolo-barnard-di-scendere-in-campo

  4. Sto seguendo con molto interesse l’attività di questo sito poichè tutte le informazioni rappresentano sicuramente una nuova visione rispetto alle tante chiacchiere che ci hanno propinato per anni. Grazie a ciò sto cercando di valutare le notizie in maniera critica chiedendomi “Perchè?”.
    In particolare ho letto due notizie e spero che possiate fornirmi le spiegazioni che desidero.
    La prima riguarda Obama che è particolarmente adirato con la UE sostendo che le misure in corso non bastano ad arginare la crisi. Ho la netta impressione che sia semplicemente un portavoce dei poteri forti con il fine di spaventare e spingere ad un ulteriore giro di vite forse per arrivare alla fase successiva, la svendita, poichè ulteriori sacrifici non penso che siamo in grado di sostenerli.
    Altra notizia è che il parlamento europeo ha approvato la proposta in favore dell’introduzione della tassa sulle transazioni finanziarie.
    Che significa tutto ciò?
    Obama è veramente interessato al benessere dell’Europa?
    L’Europa sta reagendo contro i poteri forti?
    Per questo motivo Obama si è adirato o soprattutto chi c’è dietro?
    O l’approvazione della tassa rientra sempre nel piano machiavellico anche se non riesco a vedere il fine?
    Mi sembra strano che l’Europa reagisca dopo che ci ha imposto Monti che era più adatto a seguire le regole.
    Grazie a tutti voi

  5. Credo che Obama nn capisca nulla di economia monetaria.Sono solo slogan x farsi bello con i suoi elettori viste le prossime elezioni presidenziali.La tobin Tax è solo uno specchietto x le allodole e sicuramente colpirebbe i pesci piccoli facendogli pagare una tassa sugli investimenti dei loro ultimi risparmi rimasti.I conti deposito hanno dall’inizio dell’anno una tassa piu bassa sicuramente fatta x far arrivare alle bache maggiore liquidità d’altronde quando mi si da il 4,25% come si fa a resistere…

  6. scusate se scrivo qui, ma vi ho mandato una mail deversi giorni fa, per avere informazioni sui gruppi regionali della mia zona (Modena), ma non ho mai avuto risposta. Almeno ditemi che in zona non ce ne sono, ma almeno rispondetemi! Grazie.

  7. Grazie Domimgo per la tua chiara risposta. Confermi quindi i miei sospetti. Piccole illusioni per la gente comune per far credere che qualcosa si fa per proteggere noi cittadini mentre contemporaneamente ci stanno spennando.
    Riguardo Obama quindi anche tu concordi che è sotto il controllo di potentati economici che vogliono acquistare per pochi soldi se non tutti alcuni stati europei.
    Se non vogliamo parlare di complotto possiamo dire che c’è il progetto di arrivare a distruggere la democrazia reale, a svendere pezzi degli stati e ridurre i salari tutto per l’ulteriore arricchimento di pochi.
    Potremo farcela?
    Ancora grazie

  8. Purtroppo l audio dei video riguardo ll incontro di W Mosler a Venezia non permette di percepire chiaramente i contenuti, cioè quello che ci rimanda la traduttrice. Non è colpa di questa ultima, è proprio l audio che risulta poco chiaro.. Avere i video in cui Mosler illumina con il suo pensiero, e non riuscire distintamente ad ascoltarne le parole è un peccato mortale. Per favore aggiungete, se possibile, i sottotitoli. E’ importante. Per esempio con M AUERBACK hanno funzionato alla perfezione. Grazie.

  9. La trasmissione quinta colonna è a dir poco scandalosa: nemmeno una voce a fare da contraltare a tutti quegli adulatori dell’euro… che schifo!

  10. Salve,sono una di quelle persone che grazie a questi saggi ha incominciato a trovare risposte a tutte quelle domande che nn trovavano riscontri,premetto che ho fatto parte del M5S proprio per cercare di far risvegliare le coscienze degl italiani e per dare una scossa a questo paese.So già la posizione di PAOLO sul M5S ma la domanda è: per quale motivo MMT non potrebbe trovare una strada comune con il M5S visto che i regazzi che si stanno mettendo in gioco sono tutt’altro che stupidi e molti condividono L’ MMT. Visto che i ragazzi del M5S fanno un lavoro pazzesco sul territorio per far capire il bene comune,perchè MMT nn dovrebbe sfruttare una strada già cominciata invece che farne una nuova?

  11. Sull pagina iniziale del vostro sito, il link “Entra nel sito” è sbagliato, non si riesce ad entrare in quanto la sintassi è sbagliata. Invece di “http://http//democraziammt.info/site/” dovete trascrivere “http://memmt.info/site/”. C’e un http// di troppo.
    Saluti

    1. Ciao Aldo,

      mi sembra di capire che tu ti stia riferendo alla landing page, ovvero alla pagina di approdo dove abbiamo inserito il manifesto dei summit. Ora non c’è più. Prova a cancellare la cache del tuo browser. Altrimenti dammi più informazioni, “entra nel sito” non compare da nessuna parte ormai.

      grazie
      Valentina

  12. il 16.12.12 si terrà a C.mare di Stabia (NA) una riunione dei movimenti a 5 stelle campani. Sono attesi 400/500 persone.
    Collaborando con il gruppo di C.mare, sto cercando di far entrare nell’ODG della riunione, tra i vari argomenti di discussione, “il ritorno alla sovranità monetaria”. Nel caso avrei pochi minuti per parlare alla platea delle idee della MMT. Cosa mi suggerite? Avete già delle dispense pronte? Purtroppo il cinema che ospiterà la riunione non ha dato la disponibilità all’uso del video; quindi nessun supporto video… Grazie

    1. Ciao Antonio,
      ti suggerirei di rivedere l’intervento di Paolo Barnard all’Ultima parola in cui spiega che se lo Stato spende cento verso cittadini e aziende, e tassa 100, lascia zero a cittadini e aziende. Dura poco meno di due minuti ed è chiarissimo, utilizzalo.

  13. 1: NON FIDARSI PARVENUES. Si ma io sono quello, lui e quell’altro, non vi conosco, scusate. In questo paese non c’e’ piu’ da fidarsi di chi potrebbe fare da paravento a qualche altro criminale.
    2: SIETE ECONOMISTI e siccome e’ la materia che ha rovinato chi lavora, e ancora piu’ giusto dubitare di Voi.
    3: CRITICATE CHI LAVORA ANCHE BENE DA ANNI, per questo o siete invidiosi o vi pagano per falro, ancora un’altra ragione per diffidare di PARVENUES. Giancarlo.

  14. Ciao tutti, volevo informazioni sull’incontro che si terrà a Palermo il 13 Giugno. Dove avverrà precisamente ? , chi devo contattare? Grazie a tutti

  15. Buongiorno a tutti,

    vorrei esortarvi a continuare a pubblicare gli editoriali di Barnard. Polemiche a parte, siamo tutti costole sue, non possiamo negarlo, e caratteri di merda parte, resta la persona più trainante di tutte.
    Quindi vi chiedo di continuare a mettere i suoi pezzi quali editoriali in primissimo piano sempre.

    1. Perchè non è possibile dire pubblicamente che è un atto die strema presunzione rifiutare di pubblicare gli editoriali di barnard?

      Avete visto la differenza di rendimento in Tv?
      senza calcolare chi è figli di chi…

      Insomma… avrà anche un carattere di emrda, ma non c’è paragone. bisogna accorgersene.

  16. Daniele,
    io non faccio parte della redazione, e ti confesso al momento non ho molto tempo per dilungarmi punto per punto, ma ho trovato molti punti di questo articolo piuttosto infami perche’ distorce concetti della MMT e fatti della politica e della vita personale di Mosler.
    1. Mosler non e’ un’economista perche’ lavorava per le banche? Questo e’ ridicolo, lo si intuisce dal suo stesso nel suo libro “Le sette innocenti frodi capitali della politica economica” e lo dice spesso Barnard che proprio qui sta la differenza tra i puri accademici e Mosler – e cioe’ lui lo ha usato per decenni il sistema monetario non lo ha solo studiato sui libri. Di chi ti fidi di piu’ del meccanico che ha studiato sui manuali senza aver mai toccato una macchina o di chi ha letto i manuali e ha anni di esperienza di motori?
    2. Mosler non lo conosce nessuno e i suoi seguaci sono sconosciuti? Questo e’ prima di tutto un falso, puoi ascoltare interviste e conferenze con Bill Black, Stephanie Kelton, Warren Mosler, Randall Wray e altri della MMT su stazioni radio e anche canali televisivi americani. Secondo, possiamo forse dire che altre teorie anti-liberiste invece trovino molto spazio nei media? No, ma il fatto che ad esse venga sottratta visibilita’ da un regime pro-liberista e monocolore non prova che esse non siano valide.
    3. Mosler ha in mente l’Inghilterra e l’America? Ma qui siamo proprio alle travecole, quante volte Mosler e gli altri MMTiers hanno criticato l’Inghilterra per non saper utilizzare la moneta in maniera moderna, quante volte Mosler ha criticato il loro Quantitative leasing tacciandolo non di politica intelligente per ridurre il debito ma facendo notare che esso non aggiunge una sola sterlina al PIL anzi semmai glielo toglie perché gli investitori privati non incassano gli interessi che invece entrerebbero nel serbatoio dell’economia e quindi e’ ulteriore impoverimento in piu’ tutti gli MMTiers criticano fortemente l’Inghilterra per la sua auto-lesiva austerità che si comporta come se fosse dentro l’euro senza necessita’. In piu’, anche se non posso negare un certo degrado rispetto a 8-10 anni fa, beh nonostante i tagli non c’e’ paragone con la scuola e la sanita’ Italiana – in particolare entrambe sono ancora gratis per tutti (la scuola passa pure i quaderni e i libri e rispetto all’Italia molto piu’ avanzate dal punto di vista tecnologico). E riguardo all’America, non abbiamo mai sentito Mosler elogiare l’America e il suo sistema sanitario o scolastico o altro.
    4. Convertire i conti correnti in lire significa tassare moneta gia’ esistente? Beh, ma allora questo vale anche se tassiamo entrate provenienti dalla conversione di dollari, o yens, … e che centra? – sono monete straniere e come tali e’ come se non esistessero finche’ non vengono convertite nella moneta riconosciuta dallo stato che in questo caso sara’ la lira.
    5. La MMT drena liquidita’ attraverso le tasse per poi spenderla dinuovo per la spesa pubblica? Costui non ha capito davvero niente della MMT che dice infatti che allo stato NON serve tassare per spendere
    6. La spesa pubblica avvenendo tramite l’ accredito di conti bancari allora accumulerebbe riserve nelle banche che si arricchirebbero? Ma prima di tutto la spesa pubblica secondo Mosler non e’ necessario che avvenga tramite l’emissione di titoli, infatti dice che e’ preferibile l’accredito diretto su i conti dei fornitori di beni e servizi. E ad ogni modo entrambi aumenterebbero l’introito del settore non-governativo anche se il secondo e’ preferibile perche’ piu’ equo.

    6. Mosler e’ un evasore perche’ vive in un paradiso fiscale e quindi ha conflitto di interesse? ma questo non e’ in disaccordo col suo pensiero che vede la tassazione come termostato dell’inflazione e si lamenta che essa non esiste come problema e che lo stato americano non spende a sufficienza, per cui la sua riluttanza a pagare le tasse ad uno stato che da troppo poco quadra eccome – anche se possiamo riflettere che lui lo puo’ fare in quanto privilegiato perche’ puo’ permettersi di vivere e condurre i suoi affari li’, nelle Virgin Islands, mentre la maggior parte degli americani deve pagare e zitta.

    Ecc, ecc, ecc.

    Insomma gia’ dalla prima lettura rilevo un sacco di ‘baggianate’ riportate in questo articoloe di informazioni manipolate, il lavoro di qualcuno che vuole fama diffamando e che non si e’ minimamente sforzato di capire veramente cosa dice la MMT.

    Nirvana

  17. Ma ce li volete mettere gli editoriali di Barnard in alto a destra o no?
    Ha detto che potete continuare ad usare e pubblicare le sue cose… avete deciso voi di fare senza?
    ohhhhhh

  18. Salve, premetto che attualmente non sono ancora un attivista. Seguo già da tempo le conferenze di Paolo Barnard e sono a conoscenza del programma ME MMT. Ho seguito con molto intereesse gli interventi di Paolo Barnard e quelli del ME MMT nel corso delle puntate della trasmissione “LA GABBIA” . Finalmente Barnard ha avuto la possibilità di spiegare, anche se in maniera molto sintetica, la funzione della moneta e della tassazione in uno Stato a sovranità monetaria e in uno Stato non sovrano come l’Italia di oggi. A tal proposito vorrei segnalare sia a Paolo Barnard che a voi della ME MMT che sia la sua sua esposizione che la vostra è stata chiarissima per chi conosce l’argomento, ma non lo è stata altrettanto per coloro che l’ ascoltano per la prima volta proprio a causa dell’apparente irrazionalità del meccanismo di funzionamento della moneta in uno stato sovrano, di cui non hanno mai sentito parlare prima. Mi permetto di suggerire, al fine di una piu’ efficace comunicazione, di spiegare agli ascoltatori anche l’elemento fondamentale dell’argomento e cioè “la vera funzione della moneta”. In particolare sottolineare che ” la moneta non è un bene” ( fare un esempio) ma non è altro che un semplice strumento che serve ai cittadini e alle imprese per lo scambio dei veri beni e servizi. La carenza artificiosa di questi strumenti di scambio (moneta) è la causa del collasso dell’economia.

  19. Giovedì scorso (17-10-2013) alla trasmissione Punto a capo, il presentatore ha mostrato i pochi minuti di Barnard alla Gabbia su la7 dove spiega il debito pubblico. Sia il presentatore che i suoi ospiti dicono di non capire, anzi se ricordo bene vorrebbero dire che dice una fesseria. Infatti spiegare il debito pubblico che in realtà non è un debito e tutto ciò che conosciamo attraverso la MEMMT non è facile da far capire a chi ti ascolta. Perchè sono decenni che attraverso i mass-media si ripetono le stesse cose sul debito ecc. ecc. Penso però che Barnard alla Gabbia abbia commesso un errore. Cioè. Si è dimenticato di distinguere il debito con moneta sovrana e non.
    Invito i collaboratori del sito di scrivere a Marco Gaiazzi per fargli capire bene cosè il debito dello stato.

    Augusto

    P.S.
    Ho mandato dei sms a Marco Gaiazzi di invitare Paolo Barnard a parlare di economia

  20. Chiadiamo a vivavoce a tutti voi che vi autoincensate ritenendovi nostri salvatori di illuminarci sugli attacchi della primadonna Paolo Barnard rivolti a Grillo e a tutto il M5S che si fa il culo senza cercare i riflettori e le telecamere. Grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *